James Dyson inaugura la culla delle invenzioni all’Università di Cambridge
James Dyson inaugura la culla delle invenzioni all'Università di Cambridge

James Dyson ha inaugurato una delle strutture ingegneristiche più avanzate del mondo presso l’Università di Cambridge, offrendo agli studenti e al personale accademico dell’istituto lo spazio e i mezzi per creare prototipi, inventare e collaborare a ricerche d’avanguardia.

Il progetto è stato finanziato con una donazione da £8 milioni della James Dyson Foundation – la più ingente somma mai devoluta alla Facoltà di Ingegneria di Cambridge, che si classifica a pieno merito tra i dipartimenti migliori del mondo.

Il Dyson Centre for Engineering Design sarà il punto focale per l’insegnamento del processo di progettazione agli studenti di Cambridge, che potranno contare su macchinari di stampa, scanner, laser e router professionali. I locali di questo centro possono ospitare fino a 1.200 brillanti ingegneri, che potranno eseguire le loro attività di progettazione. Il concetto di “design aperto” incoraggia lo scambio di idee e alimenta lo sviluppo di un ambiente collaborativo. Fra i progetti ideati dagli studenti in questo centro si annoverano: auto da corsa alimentate ad energia solare, veicoli progettati per il funzionamento sul ghiaccio artico, droni quadri-rotore e sistemi di volo spaziale con palloni ad elio.

Concepito come un nuovo edificio di quattro piani a se stante, il James Dyson Building for Engineering ospita ricercatori post-laureati e supporta studi d’eccellenza a livello mondiale in ambiti come materiali avanzati, infrastrutture intelligenti, veicoli elettrici e sistemi di combustione interna efficienti. Un ponte collega facilmente l’edificio ai laboratori di collaudo, dove si trovano macchinari per la dinamica dei fluidi, attrezzature per l’aerodinamica e zone di analisi dell’aeroacustica senza eguali nel mondo.

L’edificio stesso è intelligente, proprio come le menti che ci lavorano: sensori a fibre ottiche nei pilasti delle fondamenta trasmettono in tempo reale i più svariati dati, dalla temperatura alla tensione, fornendo una panoramica del “comportamento” della struttura. Il risultato è una costruzione che si avvicina di più all’idea di “creatura vivente” che non a quella di un blocco di cemento passivo.

Le ricerche condotte in questo hub si baseranno su una preziosa tradizione di invenzioni: tra gli studenti di Cambridge si annoverano, infatti, il pioniere della combustione interna, Harry Ricardo, e l’inventore del motore dei Jet, Frank Whittle.

La Facoltà è situata al centro del complesso di Cambridge, il campus universitario più grande d’Europa, che vede attive circa 57.000 persone in più di 1.500 ambiti tecnologici per un fatturato annuo complessivo di oltre £13 miliardi. Negli ultimi dieci anni, da Cambridge sono nate più di 1.500 società spin-out, il 97,4% delle quali vanta un tasso di sopravvivenza di cinque anni, a fronte del 44,6% su scala nazionale.

James Dyson ha dichiarato: “Coltivare la proprietà intellettuale che aiuterà la Gran Bretagna a partecipare con successo alla gara tecnologica globale dipende dall’applicazione delle nostre menti più brillanti in progetti di ricerca ambiziosi ed entusiasmanti. Spero che questo nuovo spazio a disposizione dei migliori ingegneri britannici dell’Università di Cambridge sarà in grado di stimolare grandi cambiamenti tecnologici, che rivoluzioneranno a tutti gli effetti il modo in cui viviamo”.

Il Vice-Rettore dell’Università di Cambridge, Professor Sir Leszek Borysiewicz, ha affermato: “La ricerca condotta in questo edificio è sinonimo di avanguardia ed eccellenza ingegneristica. Grazie alle nuove idee generate all’interno del Dyson Centre, saremo in grado non solo di lanciare scoperte e invenzioni che cambieranno il mondo, ma anche di sviluppare quelle generazioni di futuri ingegneri di cui il mondo ha bisogno per affrontare le principali sfide del XXI secolo.”

Il Direttore della Facoltà di Ingegneria, Professor David Cardwell, ha aggiunto: “La collaborazione è un elemento imprescindibile per risolvere le sfide ingegneristiche globali e il nuovo James Dyson Building raggruppa brillanti ricercatori di svariate discipline e professionisti industriali operanti sul campo, per arricchire di nuove tecnologie le nostre città e i nostri sistemi energetici e di trasporto.

“La vicinanza al Dyson Centre for Engineering Design consente agli studenti di esprimere il proprio talento creativo e mettere alla prova le proprie abilità ingegneristiche, utilizzando svariati macchinari e attrezzature di prototipazione high-tech. In questo centro inviteremo anche delle scolaresche, che avranno la possibilità di osservare i nostri ingegneri all’opera e, si spera, si trasformeranno nella prossima generazione di competenti ingegneri. Infine, una Biblioteca rinnovata e aggiornata, dedicata all’ingegneria, garantirà spazi flessibili per progetti di collaborazione, ma anche zone di silenzio dove studenti e ricercatori potranno lavorare con la massima tranquillità.”

– FINE –

NOTE PER LA REDAZIONE:

L’Università di Cambridge

Classificata a pieno merito fra le 5 migliori università del mondo, Cambridge è la terza più antica università, fondata nel 1209. Oltre ad aver fatto da culla natale a 92 laureati Premi Nobel, tra i suoi studenti figurano Sir Isaac Newton, Charles Darwin, Ernest Rutherford, Alan Turing e Frank Whittle. Fra i contributi apportati da questa università alla società vi sono la scoperta della struttura del DNA e lo sviluppo della tecnica della fecondazione in vitro.

La Facoltà di Ingegneria di Cambridge è il dipartimento di ingegneria integrata più grande d’Europa e leader mondiale per la ricerca accademica nel settore. È rinomata in tutto il mondo per i suoi lavori nel campo della dinamica dei fluidi computazionale, dell’ingegneria elettrica e meccanica, dei materiali e del design.

La Fondazione James Dyson

Istituito nel 2002, questo ente benefico promuove il design, la tecnologia e la formazione ingegneristica nel Regno Unito e a livello internazionale tramite Fondazioni in America e in Giappone. Finora la James Dyson Foundation ha devoluto £55 milioni a cause benefiche, compresa una donazione di £12 milioni all’Imperial College London per creare la Dyson School of Design Engineering. La Fondazione offre anche borse di studio agli studenti di ingegneria della Bournemouth University, della Brunel University, della Loughborough University, dell’Università di Bristol, del Royal College of Art e dell’Università di Bath. A livello scolastico, la James Dyson Foundation organizza workshop sulla prototipazione tenuti dagli ingegneri Dyson e offre risorse formative gratuite grazie alle quali gli studenti possono cominciare a familiarizzare con il processo di progettazione e comprendere da vicino come funzionano le tecnologie Dyson.

La Fondazione James Dyson e Cambridge

Oltre ad una donazione del valore di £8 milioni, la Fondazione finanzia la borsa di studio Alec Dyson (£25.000 l’anno), destinata ad un laureato di ingegneria dell’Università Cambridge. Dal 2016, la Fondazione assegna inoltre la borsa di studio Mary Dyson – un contributo di £2.500 ai quattro migliori studenti di ingegneria, che risiedono presso il college femminile Murray Edwards.

Il James Dyson Award

Il James Dyson Award è un premio assegnato durante una gara di progettazione aperta a studenti internazionali e promossa dalla James Dyson Foundation in 22 paesi. L’obiettivo del concorso è semplice: inventare qualcosa che risolva un problema. Il vincitore internazionale del James Dyson Award riceve un premio in denaro del valore di £30.000 a titolo di contributo per sviluppare la propria idea. I vincitori delle edizioni passate hanno inventato, fra le altre cose, un sistema rapido di prototipazione di schede elettriche, un’incubatrice gonfiabile da usare nei paesi in via di sviluppo e una rete da pesca sostenibile per i pescherecci, che separa i pesci piccoli dal resto del pescato.

HEFCE

Grazie al supporto della James Dyson Foundation è stato possibile ottenere dall’Higher Education Funding Council for England (HEFCE) fondi privati per £2,65 milioni, destinati alle strutture di insegnamento e finalizzati al rifacimento delle biblioteche di ingegneria e alla creazione del ponte che collega il Dyson Centre for Engineering Design al James Dyson Building.