James Dyson alla ricerca di talenti da tutto il mondo
in grado di risolvere problemi con grandi idee
Le iscrizioni al James Dyson Award 2017 sono aperte
James Dyson alla ricerca di talenti da tutto il mondo
in grado di risolvere problemi con grandi idee
Le iscrizioni al James Dyson Award 2017 sono aperte

Si aprono ufficialmente oggi le iscrizioni al James Dyson Award 2017. Come ogni anno, James Dyson e il suo team di ingegneri e scienziati promuovono la ricerca di soluzioni per i problemi del mondo reale sottoponendo un brief molto semplice: progettare qualcosa che risolva un problema, piccolo o grande che sia.

Il premio annuale di progettazione, indetto dalla James Dyson Foundation, è ora attivo in 23 Paesi: quest’anno la “caccia” si è estesa per la prima volta all’India.

Solitamente esiste una soluzione a ogni problema. Designer e ingegneri sfidano le convenzioni e hanno idee brillanti: il James Dyson Award ricerca soluzioni di progettazione semplici ma di livello e che abbiano il potenziale di suscitare un impatto rilevante sulla società. Ogni anno sono stupito dalle idee che riceviamo e mi aspetto che il numero di iscrizioni cresca ulteriormente anche quest’anno” ha detto James Dyson.

I precedenti vincitori del Premio ci hanno aiutato a contrastare i problemi legati allo sfruttamento eccessivo della pesca,  al trasporto di vaccini nei paesi in via di sviluppo, allo spreco globale di cibo e al tasso di mortalità prematura dei neonati. Obiettivo della 14esima edizione del James Dyson Award è sempre premiare coloro che risolvono un problema attraverso soluzioni di progettazione intelligenti. Le migliori invenzioni sono, spesso, le più semplici.

Il vincitore internazionale dell’edizione 2016 è EcoHelmet, un caschetto di carta pieghevole per la bici che utilizza una configurazione esclusiva a nido d’ape per proteggere la testa dagli impatti: si ripiega fino a diventare piatto quando non in uso ed è realizzato con materiali 100% riciclabili. Mentre le attività di bike sharing sono in crescita in tutto il mondo, il design leggero e pratico di EcoHelmet lo rende un’opzione interessante per i ciclisti che si muovono in città: un posto dove gli incidenti stradali sono frequenti e i colpi alla testa possono essere fatali.

Isis Shiffer, l’inventrice di EcoHelmet, ha dichiarato: “Il supporto finanziario e l’esposizione mediatica derivanti dalla vittoria del James Dyson Award mi hanno consentito di arrivare a una piena commercializzazione di EcoHelmet. Questa straordinaria esperienza mi ha riempito d’orgoglio e non vedo l’ora di vedere il mio progetto, completamente sviluppato, uscire dalle linee di produzione quest’anno.”

Remove, un sistema antigravitazionale per l’allenamento e la riabilitazione degli arti inferiori, ha vinto invece l’edizione italiana dell’edizione 2016 del James Dyson Award. 

Nato dall’osservazione della mobilità dei bambini e dal modo in cui apprendono a camminare, Remove ha preso le mosse dal più tipico girello per neonati per adattarsi alle esigenze di quanti, anziani e pazienti post-traumatici, abbiano bisogno di un supporto per la deambulazione o per gli allenamenti.

Eleonora Pesce, l’inventrice di Remove (Università Iuav Venezia), ha detto: Vincere l’edizione nazionale del James Dyson Award mi è servito a progredire nel progetto e a catalizzare l’interesse di potenziali investitori e referenti del settore. Dopo il Premio ho avuto la possibilità di partecipare, con il progetto Remove, a una competition locale di design al quale mi sono classificata terza e che mi ha consentito di entrare in contatto con un’impresa del territorio impegnata nel settore dei dispositivi medicali per disabili. In questo momento è al vaglio un avanzamento ulteriore del progetto.”

La Giuria Nazionale

A giudicare i progetti italiani e selezionare il vincitore nazionale una Giuria di esperti di primo livello: Massimo Temporelli, innovatore e divulgatore, esperto nei temi legati a scienza e tecnologia, presidente e co-founder di TheFabLab, laboratorio innovativo dedicato a stampa 3D, IOT e robotica;  Layla Pavone, imprenditrice e da sempre sostenitrice di talento e innovazione, è attualmente Amministratore Delegato per l’Industry Innovation di Digital Magics, incubatore certificato di startup innovative e scaleup digitali; Luciano Galimberti, presidente ADI – Associazione per il Disegno Industriale, che da oltre 60 anni attraverso il prestigioso Premio Compasso d’Oro ADI, si pone l’obiettivo di premiare e valorizzare la qualità del design italiano. L’ADI riunisce dal 1956 progettisti, imprese, ricercatori, insegnanti, critici, giornalisti intorno ai temi del design: progetto, consumo, riciclo, formazione.

BACKGROUND:

Il James Dyson Award si svolge in 23 paesi. Il premio è aperto agli studenti universitari (e ai neolaureati) dei corsi di laurea in product design, design industriale e ingegneria. Il premio incoraggia le idee che sfidano le convenzioni, la progettazione snella (fare di più, con meno) e un design attento all’ambiente. Le migliori invenzioni sono semplici e pratiche, ma allo stesso tempo forniscono una soluzione a un problema reale. Un vincitore nazionale è selezionato per ogni paese in cui il premio si svolge, prima di passare attraverso la fase finale, in cui il vincitore internazionale è scelto da James Dyson. Il premio è condotto dalla James Dyson Foundation, una fondazione registrata nel 2002 che ha lo scopo di ispirare e supportare le prossime generazioni di ingegneri.

Qual è il premio?

Vincitore internazionale:

  • Il premio internazionale è di £30.000 (circa 42.000€) per lo studente vincitore e di £5.000 (circa 7,000€) per la sua facoltà universitaria.

Due finalisti internazionali:

  • £5.000 ciascuno

Vincitori nazionali:

  • £ 2.000 (circa 2.800€) ciascuno

Quali sono le tempistiche del concorso?

  • Apertura: 30 marzo 2017
  • Chiusura: 20 luglio 2017
  • Annuncio dei vincitori nazionali e dei finalisti: 7 settembre 2017
  • Selezione degli ingegneri Dyson: 28 settembre 2017
  • Annuncio del vincitore internazionale e dei finalisti: 26 ottobre 2017

Link video:

James Dyson apre le iscrizioni al James Dyson Award 2017

Il vincitore del James Dyson Award 2016 – EcoHelmet

Chi può partecipare?

Tutti gli studenti universitari delle facoltà  di design del prodotto, design industriale o ingegneria, o coloro che abbiano conseguito una laurea in tali discipline nei 4 anni precedenti, che stiano studiando o abbiano studiato in Australia, Austria, Belgio, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, India, Italia, Irlanda, Giappone, Malesia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Russia, Singapore, Spagna, Corea del Sud, Svizzera, Taiwan, Regno Unito e USA.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti periodici sull’avanzamento del James Dyson Award, seguire la James Dyson Foundation su Facebook e Twitter.

Dyson Italia

Sito web: www.dyson.it

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dysonitalia

Canale Youtube: https://www.youtube.com/dysonitalia